civuoleYESTERDAY

Com’è fatta una cosa così famosa da essere quasi banale prima che lo diventi?
Voglio dire, prima che qualcosa sia conosciuta da tutti, ma proprio tutti in tutto il mondo, com’era, o dove stava?
Ho appena letto da qualche parte che, esattamente 50 anni fa, Yesterday ancora non la conosceva nessuno, o quasi, 50 anni e pochi mesi fa non esisteva.

Si, quella: Yesteday, all my troubles seemed so far away…
Oggi la conoscono tutti, ma proprio tutti, magari non tutto il testo, magari non conoscono bene i Beatles (male!) ma Yesterday, quella melodia, non sfugge a nessuno, da decenni.

Dov’era 50 anni fa?
La leggenda dice che all’inizio si chiamasse “uova strapazzate” e che sia nata di notte, forse in sogno, o in un pensiero.
Era già così quando è nata, così liscia e così perfetta da sembrare già fatta; così finita e viva di un respiro tutto suo, che nemmeno chi l’ha scritta aveva il coraggio di firmarla.

Perché le cose così grandi da diventare banali, forse, non le inventa nessuno.
Loro sono lì, da qualche parte in un angolo spazio-temporale che nemmeno i nostri bis-nipoti arriveranno mai a scoprire, ma dove le idee e le cose più belle esistono già, respirano, parlano tra loro, crescono e quando sono grandi abbastanza, un po’ spaventate, finiscono nella testa dei più fortunati, o dei più folli.
Come Paul McCartney.
Come Yesterday, che 50 anni fa non esisteva e che oggi è così perfetta da essere quasi banale.

…oh I believe in Yesterday…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...