IL BRANCO Live @ CVUP4

35705155_1656751001109339_3599162137118769152_o

Il titolo é già un’anticipazione velata dell’atmosfera che si respira e si ascolta nei 10 brani dell’album.
“Non fate caso al sorriso”. Perché no, in realtà non c’é un cazzo da ridere!

“….é una truffa figlia di un ventricolo malato!”

Il disco mostra il ritratto impietoso di tutto ciò che scandisce le nostre giornate e i nostri tempi: l’amore, le scelte, il sesso, le bugie, le speranze, l’abitudine.
E lo fa creando una miscela nevrotica di Rock ed elettronica, sinth e bassi martellanti, ritmi incalzanti, e parole che sputano veleno e fredda ironia.
Genio e psichedelia allo stato puro.

13_il_brancoNon si accontentano di raccontare il disagio, la paranoia e il malessere. Te lo urlano addosso.
Perché sanno che é esattamente ciò di cui hai bisogno.
Puntano dritto al tuo lato oscuro, ai fantasmi, alla nevrosi e all’agitazione che hai dentro, per esorcizzare una giornata sbagliata. Le ore di lavoro. I buongiorno glassati d’odio. Le contraddizioni. I baci congelati. I “per sempre troppo corti”. Le sconfitte.

“Solo chi é inseguito ha una pistola in mano”.

Per quanto ci si possa illudere di esser riusciti a costruirci una vita fatta di certezze e tranquillità, la verità é che ci é tutto scomodo e che, a modo suo, ciascuno di noi sta scappando da qualcosascadenze, decisioni in sospeso, pretese, relazioni, ricordi, ansie.
Ed é dannatamente vero: decidere dove mirare fa schifo.

Penso che l’album sia il grido personale di un’insoddisfazione universale e che per questo sia praticamente impossibile rimanere immobili mentre lo si ascolta. Perché probabilmente ad un certo punto un sorriso me lo strappa davvero, ma non é di gioia: é l’effetto che fa ammettere che in quei versi, prima sussurrati, poi abbandonati in un grido straziante, ci siamo tutti noi.
Chi aggira la sconfitta, chi é stanco dei compromessi, chi offre le sue ultime forze e le sue poche speranze, prima di andar via.

Eccoti le mie ultime forze,
eccoti le mie poche speranze,
eccoti le mie mani bucate,
eccomi e poi me ne andrò..

Quindi sarà anche vero che ho un sorriso sul volto, ma non fateci caso.

“Chi scrive una canzone ha un sogno di santità”, e chi ascolta non cerca l’assoluzione o la redenzione, ma soltanto un modo per espiare la sua pena.

“Avere ciò che vuoi non vuol dire che si avverano i sogni…”

IL BRANCO Live @ civuoleunPAESE

Freddy Stage

24 Agosto — Leverano

#qualunquecosaSIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...