CVUP Opening Season: Finale Contest civuoleunaBAND

Dopo la fase delle pre-selezioni arriva alla fine #civuoleunaBAND, il contest legato alla quinta edizione di civuoleunPAESE. Il vincitore della finale, infatti salirà sul palco del festival il prossimo 30 Giugno!
A contendersi la vittoria quattro band
4lementi
Planimo
Stain
Alberto Tuma

contest

Le quattro band suoneranno live e scopriremo chi salirà sul palco di #CVUP5

Inizio Live ore 21.30
L’apporto del pubblico sarà fondamentale nel decretare il vincitore.
non mancate!

CVUP Opening Season: All’Anima di Leverano

anima“All’anima di Leverano” sarà un intreccio lungo una sera tra teatro, danza, canto e percussioni, ma soprattutto sarà un viaggio dentro le abitudini, i cliché, le storie e le identità del Salento e dei suoi paesi, tutto con un occhio diverso, l’occhio di artisti francesi che vivranno l’intero periodo precedente lo spettacolo a Leverano, assorbendone riti, suoni, racconti e sapori.
Dal 25 aprile al 3 maggio l’attore François Podetti e il ballerino e coreografo Sebastian Cuiza Galan creeranno uno spettacolo con la collaborazione di tre scuole di danza: Danza&Passione di Mino Bianco, #Danzarte2 di Stefania Baldassarre Centro Danse Art di Cristina Corallo e del Teatro delle Rane, la storica compagnia teatrale di Leverano. Un vero spettacolo d’insieme, che ospiterà anche la voce di Elisabetta Guido e le percussioni di Tiberio Pati.
Sarà l’occasione di vivere il paese, di raccontarsi, confrontarsi, guardarsi allo specchio e creare, insieme, qualcosa di bello, un
vero spettacolo corale che andrà in scena in Piazza Roma la sera di venerdì 3 Maggio.
All’Anima di Leverano nasce da un’idea di Sofia Capestro, direttrice dell’Associazione transalpina “Les Baladines”, che ha trovato nell’associazione leveranese “The Factory – Nuovi Orizzonti” un partner ideale per la realizzazione di questo progetto, parte del programma di apertura del Festival “ civuoleunPAESE Days”, in programma dal 26 al 30 giugno.
La residenza e lo spettacolo sono prodotti con la collaborazione del Comune di Leverano e grazie al sostegno di BCC Leverano, Mebimport Distributing, Conti Zecca, Bar Zoè, #LaNina, La Vineria N.02 e #IlMulino.

CVUP Opening Season: civuoleunANTEPRIMA

Siamo lieti di annunciarvi il primo evento della Opening Season di #civuoleunpaese2019!

PLAYSTORIK Live – Music Evolution

Sarà una cavalcata entusiasmante nella storia del rock’n’roll, dalla rivoluzione degli anni ’50 e ’60 alle emozioni forti degli anni ’70 passando per le svolte pop degli anni ’80, in una serata ricca di emozioni.

PLAYSTORIK sono:
Chitarra – Antonio D’Oria
Batteria – Stefano Nuzzo
Basso – Alessandro Scalinci
Tastiera – Simone Quarta
Cantante – Rebecca Pati
Cori: Cristiana Dongiovanni

Nella serata verrà presentata la nuova edizione di civuoleunPAESE e partirà il tesseramento The-Factory Leverano per il nuovo anno.

30 aprile 2019 – Palazzo Gorgoni – Leverano

anteprima

civuoleunPAESE 2019 – #piùgrandedicosì

“L’idea presentata si candida a diventare un appuntamento fisso della vita leveranese e non solo, una sorta di abitudine a cui le persone si affezioneranno, fino a farne qualcosa di più grande e più compiuto con l’esperienza e le risorse acquisite…” Questa frase era nelle conclusioni del primissimo file nominato “civoleunPAESE” che qualcuno oltre a noi abbia mai letto. Era la primavera del 2015.

Oggi leggere quelle parole mi crea quasi una difficoltà a scriverne altre. Viene in mente tutto quello che è stato, le canzoni e i gruppi, le esposizioni e i progetti, le delusioni. Le idee mai realizzate e quelle nate per caso. I sogni lasciati per strada e ripresi per i capelli.
Vengono in mente i complimenti e i momenti in cui ci accorgevamo di aver sbagliato strada. Le amicizie e altre cose meno definite.
Gli sguardi un po’ perplessi di chi non ha ancora capito chi ce lo fa fare. I conti che non tornavano, quasi mai.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Adesso viene in mente anche altro. Viene in mente la bellezza totale e prepotente di una cosa iniziata dal nulla e realizzata, fino in fondo, come l’avevamo pensata e promessa.

… Qualcosa di più grande dicevamo.

Il progetto che abbiamo scritto mesi fa per trasformare #cvup e fare quel salto che volevamo è risultato vincitore del programma straordinario 2018 in tema di cultura e spettacolo promosso della regione Puglia.

Quindi, Signori e Signore, civuoleinPAESE avrà ufficialmente la sua quinta edizione e sarà totalmente nuova, oltre che essere prima del solito.

Più giorni, più luoghi, più storie
#piùgrandedicosì insomma

La prima parte è stata bellissima. Oggi si festeggia.
Domani, iniziamo a scrivere la seconda.

civuoleunPAESE
Leverano – Giugno 2019
Musica e Cose Belle
+Luoghi +Giorni +Storie

#piugrandedicosì

Grazie a tutti, per quello che è stato e quello che sarà.
Iniziamo!

le #CoseBelle – RUHRGEBIET – Esposizione Fotografica

“Quando uscivo di casa non sapevo dove sarei andato a finire e quindi avevo sempre con me la macchina fotografica. Dalla lente della Diana sono passati km di strade, il Ruhrgebiet ed i suoi simboli, i treni e le città, i canali di Amsterdam, le birrerie, il primo maggio, i concerti; era con me quando andavo a fare il bucato il mercoledì ed era con me quando per andare a visitare il Tetraeder ho dovuto salire la Direttissima con i suoi 387 gradini. A lei ho voluto affidare una storia che si dilunga per 12 rullini e che ho cercato di riassumere in queste pagine.”

cover-trim-no-fold-front_cover-71927eb5-cc4b-499a-8700-10722de7e5a5“Ruhrgebiet” è una storia a ritroso, come la definisce Lorenzo Caleca, autore di questo libro fotografico e protagonista dell’esposizione ospitata nella Torre Federiciana durante la prossima edizione di civuoleunPAESE, il 24 Agosto (nel caso non ve l’avessimo ancora detto).

“Il lavoro si compone di 20 scatti principali e 40 secondari che raccontano il periodo che va dal settembre 2016 al giugno 2017. Il punto di partenza è Essen, la città dei Krupp, ed è da qui che come una rete di esperienze e ricordi mi sono mosso alla scoperta di questo cuore fatto di ferro e coraggio. Persone, luoghi, muri, binari, vagoni, colline sono diventati tasselli che hanno contribuito a completare un puzzle di ricordi. Sullo sfondo le ciminiere dell’acciaieria che hanno chiuso il lavoro creando un ponte tra Taranto ed il cuore dell’Europa”

Paesaggi diversi, visi diversi ma che, infondo, possono essere molto più simili di quanto ci si aspetti, legati dal lavoro, dalla vita quotidiana, dai luoghi e da quella cosa che proviamo a raccontare con la musica: dal Paese, e da quanto, a volte, è proprio quello che ci vuole.

Lorenzo l’abbiamo conosciuto lo scorso anno, quando venne a CVUP per fare un’intervista. Da lì abbiamo scoperto il suo profilo Instagram, e molto di più.

Lorenzo “barone” Caleca, tarantino classe 1986.img_2595
Ha trovato nella fotografia una forma di espressione attraverso la quale raccontare la realtà che lo circonda. Nel tempo libero si interessa di media, comunicazione e territorio.

Da un anno è alle prese con #poesianellestrade, un nuovo progetto che racconta la strada con il suo microcosmo di realtà. Il segreto per coglierla a pieno: rallentare!

Quelle stesse strade, il 24 Agosto, si trasferiranno a civuoleunPAESE, per un altro pezzo di questa storia che ormai raccontiamo da quattro anni

CVUP18

Leverano

24 Agosto 2018

 

 

Voci da CVUP

La nostra è una generazione fortunata, che ha potuto scegliere se andarsene o restare.  

Chi è rimasto ha fatto un patto di sangue con le proprie radici.  

Chi è andato l’ha fatto alzando lo sguardo per incontrare altri mondi, senza cancellare il passato, e senza rimanere rinchiuso nella gabbia della propria identità. Ha preso le distanze fagocitando, e continuando a far vivere nella propria esperienza, parti importanti della propria storia, in un congedo che si rinnova a ogni ritorno e a ogni partenza. 

Questo è ciò che è successo alla nostra generazione di appassionati. 

ci-vuole-un-paese-logo-big

E poi, c’è chi è tornato.

Sembra una vita fa.

Da questa riflessione siamo partiti quattro anni fa, nell’immaginare un Festival di Musica e Arte Indipendente che per una sera fosse capace di colorare di colori nuovi e giovani la storica Piazza del nostro paese, con la capacità di mettere insieme Storia, Appartenenza e Comunità con l’innovazione culturale, la ricerca artistica e l’ibridazione di stili, generi e linguaggi.

Soprattutto questa riflessione è stata uno dei primi passi di quella che stava diventando la mia nuova vita. Quattro anni fa. Dopo nove anni.

Tornare non è una cosa semplice, soprattutto se per anni l’hai visto come una sconfitta, se si tratta di mettere in gioco e perderli tutti i possibili modi in cui ti eri visto in tutti i possibili futuri.

Tornare non è semplice quando esattamente non lo sai quello che trovi, a parte quella sensazione inspiegabile che lo devi fare, che le cose poi possono succedere solo lì, ma come, dove e quando non lo sa nessuno.

“… un patto di sangue con le proprie radici”. Appunto. E di fiducia, direi.

Tornare mi ha cambiato la vita, e, giuste o sbagliate, molte delle direzioni che ho preso, dei passi che ho fatto, delle persone che ho conosciuto, di quelle che vorrei conoscere meglio e di quelle che mi sono entrate nei pensieri senza che me ne accorgessi, ecco, molte, moltissime di quelle cose sono iniziate da quella riflessione e da quell’idea.

14195981_1021936654590780_4211970270408018308_oUn Festival di Musica Indipendente, fatto in un modo così sbagliato, in un posto così sbagliato …. “che non può che essere perfetto” è il finale retorico che mi è venuto spontaneo, ma è falso. 

Perché non è perfetto per niente proprio, ma è importante, tanto importante da aver cambiato una vita, e forse non una sola

Quindi si, quando dico che scoprire musica nuova da felicità, quando dico che un momento può cambiare mezz’ora, una giornata o una vita, o altre cose smielate e idealiste del genere, le stesse per cui faccio fatica a prendermi sul serio anche da solo, sappiate che non solo ci credo, ma non sono mai stato così serio.

Perché é così che é andata.

Un sogno vago, un ritorno, un’altra persona folle, e poi altre cinque, dieci, venti persone, e quattro anni di una vita nuova.

CVUP è una cosa importante. Importante come quattro anni!

IMG-20180521-WA0012

civuoleunPAESE 4

24 Agosto 2018 – Leverano

#qualunquecosaSIA

 

Alessandro